Sabato 19 Ottobre 2019
  • Auditorium Santo Stefano

    Mercoledì 25 Marzo 2015, 16:04

    Introduzione
    L’ex Chiesa di Santo Stefano risalente al XII secolo è attualmente utilizzata come Auditorium.
    Si trattava dell'edificio di culto di un insediamento infeudato a qualche famiglia nobile, la quale di solito provvedeva anche alla costruzione di un oratorio per le sacre funzioni.

    Descrizione
    Il fabbricato oggi si presenta con un'unica navata in stile rinascimentale-barocco. Molte delle pregevoli opere d'arte di cui era adornata si trovano oggi nella nuova parrocchiale.
    Pregevole è il battistero in legno di Antonio Bellucci da Soligo raffigurante il Battesimo di Gesù e l''Annunciazione.
    La torre campanaria, alta 32 metri dalla base alla croce, è in stile barocco e risale ai sec. XVI-XVII.
    Nel '700 la chiesa aveva cinque altari sotto i seguenti titoli: S. Stefano, Beata Vergine del Rosario, S. Giuseppe, S. Antonio abate, S. Carlo.

    Contiene ancora tre dipinti ad affresco, recentemente restaurati, di Giovanni Carlo Bevilacqua, datati 1823-1824, intitolati Madonna del Rosario, i Santi Antonio da Padova, Antonio abate e Luigi Gonzaga, il Transito di S. Giuseppe.
    Esisteva anche un gonfalone di Paris Bordon, ora custodito nel Museo diocesano di Vittorio Veneto. L'affresco del Martirio di S. Stefano è sulla parete sinistra del presbiterio.

    Approfondimenti
    La prima attestazione si ha nel 1225, ma la costruzione è avvenuta nel XII secolo. La chiesa, più volte restaurata tra Cinquecento e Settecento, è parrocchia già dal XIV secolo. Nell'800 venne ampliato anche il coro, ma nei primi anni del '900 si avviò la costruzione della nuova parrocchiale, senza demolire la vecchia chiesa che si trova dietro l'abside del nuovo edificio. Dopo i lavori di restauro eseguiti nei primi anni del 2000 viene utilizzato come Auditorium, ospitando diverse manifestazioni e convegni.

background